As It Is – Never Happy, Ever After

as-it-is-never-happy-ever-after-recensione

Gli As It Is, la band pop punk di Brighton formatasi nel 2012, giunge finalmente alla pubblicazione dell’attesissimo disco d’esordio: “Never Happy, Ever After”.

Sin dalla prime tracce (“Speak Soft” e “Cheap Shots & Setbacks”), che hanno un ritmo incalzante e coinvolgente, si delineano le caratteristiche fondamentali dell’album: una scarica inarrestabile di energia, tanta grinta e tanta voglia, da parte della band, di affermarsi come rivelazione pop punk del 2015.
Si distaccano dagli altri brani l’acustico “My Oceans Were Lakes”, in grado di far bruciare ancora le vecchie cicatrici e curarle allo stesso tempo, e “Can’t Save Myself” che esprime la consapevolezza di dover convivere con i propri demoni, senza mai riuscire a fuggirli.

Nonostante la giovane età, la formazione inglese dimostra buone capacità di scrittura e ne danno prova i testi di “Dial Tones”, “Concrete” e “Silence (Pretending’s So Comfortable)”, dove la tematica dell’amore viene affrontata in maniera sempre nuova e mai banale.

Un disco imperdibile per gli amanti del genere, tanto che il produttore James Paul Wisner ha deciso di non apportare alcuna modifica a quello che era il progetto iniziale della band. Davvero un ottimo esordio.

[youtube XyBV4yoEZ6A nolink]

Lascia un commento