Blind Oracle – Between Blade & Flesh (EP)

blind-oracle-between-blade-flesh-ep-recensione

Che il progressive deathcore goda di ottima salute è un dato di fatto, e poi arrivano band come i Blind Oracle che sono una vera e propria iniezione di vitamina C. La formazione australiana ha da poco dato alle stampe un nuovo EP, “Between Blade & Flesh”, e le nostre orecchie sanguinanti ringraziano. I cinque brani che compongono “BB&F” sono una conflagrazione nucleare continua, dalla quale trapela l’irresistibile creatività dei Blind Oracle, che sanno essere catchy ma cattivissimi, estremi ma virtuosi allo stesso tempo.
 
Prendete “Lycan” per esempio, che esordisce come un qualsiasi pezzo deathcore alla Veil of Maya, ma di punto in bianco vira nella ballad che non ti aspetti, per poi cambiare direzione ancora una volta con una spruzzata di dubstep (eh sì) e di blast beat. A proposito, il batterista non sta bene, in senso positivo ovviamente, perché ha il tiro di una mitragliatrice umana. Quindi smettetela di dire che in giro non ci sono più né talento né creatività: la differenza rispetto al passato è che per trovarli bisogna sbattersi e sporcarsi le mani. Ma ne varrà la pena.

 

Lascia un commento