Azealia Banks – Broke With Expensive Taste

azealia-banks-broke-with-expensive-taste-recensione

Azealia Banks sarebbe da prendere ad affettuosi ceffoni. Nel giro ormai da più di tre anni, nel 2011 entrò di prepotenza nella scena musicale da zero con il singolo “212” e una serie di video musicali ben costruiti. Gli ingredienti per diventare la nuova star del music biz c’erano tutti, al punto di spingere la Interscope a metterla sotto contratto “sulla fiducia”. Poi sono arrivati i continui rinvii del debutto, le faide con svariati artisti (memorabili quelli con Iggy Azalea, Ian Brown degli Stone Roses e Lil Kim) e la fine della collaborazione con la major. Oltre alle luci, quindi, c’erano anche tutte quelle ombre che potevano tranquillamente relegarla tra gli artisti destinati ad essere ricordati per un’unica riuscita canzone.

Non è andata così: rilasciato a sorpresa nel mese di novembre, “Broke With Expensive Taste” è la conferma che Azealia Banks ha una marcia in più e che, con il giusto management dietro, potrebbe tranquillamente fare sfracelli. Il divorzio dalle major può anche essere visto come una manna dal cielo: la Banks del debutto è infatti sfrontata, arrogante nei suoi flow (basti pensare che ogni traccia presenta contenuti espliciti) e senza alcun limite. Non è una Iggy Azalea qualsiasi, ma nemmeno una Nicki Minaj; anzi, come attitudine la Banks è più vicina alla Lady Gaga degli esordi. Basti pensare a “Gimme A Chance”, vero e proprio manifesto di un disco che presenta anche diverse tracce prese dal passato: un pezzo hip hop con un campionamento di fiati riuscito che, nella seconda metà, ci trasporta in America Latina con tanto di cantato in lingua spagnola.

Il “Broke With Expensive Taste” uscito nei negozi non è lo stesso che sarebbe uscito per Interscope: non infarcito di ospitate illustri ma inutili, Azealia Banks prende in mano da sola le sorti del suo debutto sulla lunga distanza e lo fa con ottimi risultati.

Lascia un commento