Landlord – Aside

landlord-aside-recensione

Forti dell’esperienza al talent X Factor, i Landlord si affacciano al mercato discografico con “Aside”, EP di debutto pubblicato dalla torinese INRI. Chi si aspettava un prodotto preconfezionato per il pubblico medio del noto show televisivo si trova invece davanti un lavoro indipendente, ottimamente curato e, con la giusta promozione, pronto a dire la sua anche in ambito internazionale.

“Aside” colloca i Landlord in quel filone dream pop che, negli ultimi anni, inizia a farsi conoscere anche nei circuiti mainstream grazie a nomi come M83, Saint Motel e Grimes. La proposta dei riminesi riesce ad essere comunque personale e le atmosfere sognanti di brani come “Get By” e “(Still) Changing” si collegano, con un filo di malinconia che caratterizza i testi delle cinque tracce, alle atmosfere più cupe di “Venice”. A ricoprire un ruolo importante nel lavoro, oltre ad una produzione che mette in risalto il tessuto sonoro dei Landlord, anche gli intrecci vocali di Francesca e Luca che risultano semplicemente azzeccati.

Per sfondare all’estero è quasi obbligatorio, se si vuole avere un minimo di possibilità, fare un lavoro in lingua inglese. I Landlord vanno oltre, pubblicando un EP come “Aside” il cui risultato finale è solamente uno: far crescere ulteriormente l’attesa per il primo LP.

Lascia un commento