gRAPpa #5 – Cosa ci aspettiamo dal rap italiano nel 2017

Il 2016 è stato un anno importante per quanto riguarda il rap italiano, ma anche di transizione. Salmo ha conquistato critica e pubblico, Sfera Ebbasta e Ghali con la trap hanno scombussolato molti meccanismi e “Santeria” di Guè Pequeno e Marracash ha messo d’accordo e fatto felici vecchi e nuovi appassionati.
Il 2017 si appresta a essere un anno di conferme per tutto il movimento. Sono molte infatti le uscite previste. Il 20 gennaio, inoltre, uscirà il disco congiunto di Fedez e J-Ax che, nonostante per molti non sia da etichettare come rap, di certo farà da traino a molti album “rappusi”.
Gli artisti che trovate di seguito sono quelli da tenere in considerazione per il 2017.

Fabri Fibra
“Squallor”, uscito due anni fa, è stata una scommessa vinta. Viene dalla celebrazione del decennale di “Tradimento” e non può che essere preso bene. In più il nuovo album è quasi pronto come ha detto in una recente intervista a Sto Magazine. È il ritorno più atteso.

Ghali
Disco di platino raggiunto con il brano “Ninna Nanna” grazie agli streaming su Spotify. Milioni di visualizzazioni su YouTube, apparizioni televisive e live su live. Il 2016 è stato un anno molto importante per Ghali che è al lavoro per il suo primo album.

Rkomi
È stata una delle migliori rivelazioni del 2016 e su di lui ci siamo già spesi abbastanza. L’ep “Dasein Sollen” ha mostrato le ottime potenzialità del rapper di Calvairate e “Fuck tomorrow”, l’ultimo pezzo pubblicato con The Night Skinny, ha alzato l’asticella. Siamo impazienti.

Gemello 
Lo si aspetta da troppo tempo il disco di Gemello. Sono passati 10 anni da “Non parlarmi d’altro” e 3 da “Niagara”, un ep che ha mostrato una notevole maturazione. È giunto il momento di un suo nuovo disco. Ce lo promette da troppo tempo.

Mecna
In Italia, nessuno riesce a replicare le atmosfere sognanti dei dischi di Mecna. “Disco Inverno” e “Alaska” sono stati la colonna sonora di molte persone. Le stesse che non aspettano altro che arrivi un terzo capitolo.

Tedua
Lo scorso anno si è affermato prepotentemente. Venerdì 13 uscirà “Orange County California”, molti pezzi li conosciamo già ed è plausibile che nel corso dell’anno uscirà altro materiale. Ogni giorno che passa comunque Tedua è sempre più una certezza.

Ghemon
A Ghemon piace sperimentare e il suo “Orchidee” è stata una bella rivelazione. È da tempo al lavoro su materiale inedito. Le aspettative sono molto alte e lui lo sa.

Clementino
Sarà al Festival di Sanremo per la seconda volta consecutiva e molto probabilmente subito dopo la kermesse pubblicherà il nuovo album. È da tempo al lavoro con il produttore Shablo.

Noyz Narcos
“Monster”, il suo ultimo disco, risale al 2013. Nel mezzo un album insieme a Fritz Da Cat nel 2015. Se la matematica non è un’opinione quest’anno uscirà del nuovo materiale.

Tommy Kuti
Tra quelli in elenco è sicuramente il nome meno conosciuto, ma il ragazzo ha talento da vendere. Fabri Fibra se ne è accorto e ultimamente gli sta facendo da padrino artistico. Quest’anno Tommy Kuti ce ne farà vedere delle belle.

Dargen D’Amico
Un artista troppe volte incompreso. Il suo ultimo album “D’Io” non ha troppo convinto anche se al suo interno erano presenti delle vere perle come “La lobby dei semafori”. In molti si aspettano un suo ritorno. Manca da due anni.

Bassi Maestro
A metà dicembre ha fatto uscire il brano “$$$” una vera cartella apprezzata da tutta la scena. Ci sono i presupposti per un suo grande ritorno. Bassi ti aspettiamo a braccia aperte.

Coez
Ha chiuso il 2016 pubblicando “From The Rooftop” un album di cover e pezzi ri-arrangiati. Ha da poco concluso il tour e per la fine dell’anno è previsto un suo nuovo progetto.

Mondo Marcio 
Ha recentemente annunciato di essere al lavoro per il nuovo album. Il 2017 segna il decennale di “Generazione X” ed è anche per questo motivo che ci si aspettano grandi cose da Mondo Marcio. Probabilmente uscirà nella seconda metà dell’anno.

Guè Pequeno
Il 2017 inizia all’insegna del Santeria Tour con Marracash e non poteva essere diversamente. Ma Guè Pequeno si sa è uno stacanovista nato e come dimostrano alcuni scatti presenti su Instagram ha già registrato parecchio materiale. Può essere una delle piacevoli sorprese della seconda parte dell’anno.

Nitro
A due anni di distanza dal fortunato “Suicidol” bisogna fare attenzione a Nitro che potrebbe tornare per ribadire di essere uno dei più forti della scena con l’obiettivo di eguagliare il suo compare Salmo.

Two Fingerz 
Il nome di Danti (la voce del duo) è apparso più e più volte nel 2016. Il rapper, infatti, ha scritto entrambe le hit di Rovazzi. Inoltre, insieme a Gabry Ponte, ha ottenuto il disco di platino con il brano “Ma che ne sanno i 2000”. Fortunatamente il 2017 dovrebbe essere l’anno del ritorno insieme al fido produttore Roofio.