Mika, le foto e il report del concerto di Piazzola Sul Brenta (PD) del 12 luglio 2016

mika-foto-concerto-postepay-piazzola-sul-brenta-12-luglio-2016-01

Serata facile facile quella di ieri sera per l’istrionico Mika, che conquista Piazzola e l’anfiteatro Camerini grazie alle sue doti di cantante, conduttore e mattatore e anche alla presenza involontaria e non prevista di un insetto… ma andiamo con ordine.

Presentatosi sul palco in un impeccabile abito nero, camicia bianca e giacca con le code, fra un brano ed un siparietto, una gag e un momento di riflessione, il buon Mika tende i suoi coloratissimi arcobaleni fatti di colori, musica e tanto mestiere, nella ricerca di quel suo angolo di paradiso da condividere, per una sera, col pubblico caloroso e partecipe accorso a vederlo in quella che è stata una serata all’insegna del divertimento.

Le doti di improvvisatore si vedono fin dalle prime canzoni, quando un esserino verde si intrufola fra i tasti del suo pianoforte regalando all’artista un’imprevista quanto mal digerita presenza, che il cantante gestisce a suo favore sfruttandola per un siparietto da vero cabarettista in cui il piccolo insetto diventa protagonista di una “Big Bug” (cover di “Big Girl”) da urlo che lancia tutti eccitati e spediti a intonare a squarciagola il testo di una “Grace Kelly” che conquista tutti.

Intanto la bestiolina scende dal piano e viene graziata, dopo essere stata omaggiata musicalmente.

La scaletta offre quanto di meglio il cantante Libanese abbia nel suo repertorio e anche se i suoni sono, diciamola, anche un po’ esagerati e sparati nella prima parte, il suo farsetto esce tutto sommato con la lode per la prova proposta. Certo si ha l’impressione che le reazioni del pubblico e la sua complicità siano frutto non solo delle doti del musicista quanto più di quelle dell’intrattenitore: a tal proposito è palpabile la presa e il riscontro ottenuto con una fetta del pubblico venuta a cercare più il personaggio televisivo che quello musicale. Ma questo fa parte del gioco se hai a che fare con una artista così poliedrico, che in una carriera tutto sommato breve si è già concesso molto a livello mediatico, specie nel nostro paese tanto da poter presentare durante lo show anche un nuovo progetto televisivo che lo vedrà protagonista in autunno sulla rete nazionale, realizzando con la folla in delirio anche uno sketch promozionale che rende tutti un po’ protagonisti.

Notevoli le scene e i giochi di luce che con colori e un bel po’ di freschezza portano tutti in una sorta di regressione fanciullesca, in una dimensione giocosa e allegra che ben si sposa con la proposta musicale e la valorizza anche quando i temi si fanno più seriosi perché si sa che per quanto scanzonato, Mika è uno che sa trattare con estrema decisione anche tematiche scottanti come quelle del bullismo e dell’emarginazione, ma sempre per far spuntare un sorriso dettato da un incurabile ottimismo. E questo sicuramente è il valore aggiunto di una serata come quella di ieri.

Christian Jonoch – foto di Nicola Lucchetta

Lascia un commento